.
Annunci online

Blog dal quartiere Marina a CAGLIARI
La mia 'errrrre'
post pubblicato in Memorie in Brutta Copia, il 15 luglio 2008


Mi fanno male le punte dei piedi. Le scarpe che mia madre mi ha imposto questa mattina sono dei sandali aperti,e non mi danno un grande sostegno. Per di più, sto dritto come un fuso.E di un fuso ho la rigidezza. Mi sento scorrere dappertutto un sudore terribilmente caldo. Ne ho la fronte inondata. Mi scorre fin dentro il colletto del grembiulino. Gli occhi sono fissi sulla faccia severa della mia maestra. Quella che "ha le gambe grosse come quelle di una ballerina".Anche lei mi guarda. E non mi pare poi che sia così severa. Almeno, non è severa come quando fa inginocchiare i miei compagni  su un fazzoletto di ceci steso dietro la lavagna.  Mi guarda e mi spinge ancora: "Salvatore...fai l'aero". Ed io, più che altro per far finire subito quella tortura metto la lingua sul palato e  imito il rumore di un motore imballato. "Rrrrrrrrr". Ancora. "Rrrrrrrrrr". Ancora. "Rrrrrrrrrrrrhh". Lo sforzo è tanto, che per farmi uscire dal petto quella consonante a me ancora ignota, debbo chiudere gli occhi. Sudore salato mi arriva fin dentro la bocca. Lo ingoio,insieme all'umiliazione e alle lacrime."Rrrrrrrrrrr" .

Mille anni di sforzi, e 'sta cazzo di 'R', non ce l'ho ancora


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola

permalink | inviato da Tore Pirino il 15/7/2008 alle 17:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Memorie in brutta copia
post pubblicato in Memorie in Brutta Copia, il 15 luglio 2008


La parete di fronte è altissima.Anche se mi sforzo tanto, e la mia testa nel tentativo di superare quella barriera almeno con lo sguardo s'inclina pericolosamente all'indietro, non riesco a vedere niente  oltre la cima. Così, pigio forte sui pedali del mio triciclo e corro  più veloce che posso. Quella enorme terrazza  è il mio velodromo.  M'inclino un poco di lato per curvare meglio e lasciarmi sulla sinistra il muro che ora s'è fatto vicinissimo, e subito dopo accellero per uscire dalla stretta 'u' del percorso. Proprio come ho visto fare ai ciclisti grandi sulla tv di casa. Quanti anni ho? cinque, sei. Non di  più. Sono un bambino grasso. Robusto, si diceva allora. Pantaloncini corti corti con il risvolto a metà coscia. Bretelline. Capelli biondicci che diventeranno poi neri tagliati a 'conk'e lampadina'. Questo terrazzo è il mio immenso parco giochi. E quando non ci gioco, passo minuti, ore, giorni con in mano il fumetto di Capitan Miki. Tagliato sulla lunghezza di una sola striscia, una per ogni pagina, edito (e chissà perchè mi è così fisso in testa) dalla essegesse. Non so ancora leggere. Mi piacciono le figure, ecco. E i suoni che qualcuno mi ha insegnato. Bang! Crack! Sbeng! In una foto ho in mano il giornalino, e una faccia sospesta tra il pianto e l'incazzo. Non sono, credo, un bambino simpatico. Coccolone.Coccolato.Insomma, il tipico maschietto di quegli anni.


Non sono molto cambiato

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bosa

permalink | inviato da Tore Pirino il 15/7/2008 alle 16:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia       
calendario
adv